Attività

  • Fabio Massimo Castaldo ha pubblicato un aggiornamento nel gruppo Logo del gruppo di Fabio Massimo CastaldoFabio Massimo Castaldo 1 settimana, 2 giorni fa

    PERCHÈ LA LEGA VUOLE FAR CADERE IL GOVERNO? ECCO IL MOTIVO

    Matteo Salvini ha deciso, di punto in bianco, di togliere la fiducia a questo governo. Dovrà assumersene tutte le responsabilità di fronte agli italiani: il suo gesto rischia di essere estremamente pericoloso e nocivo per l’economia del nostro Paese.

    Ma perché Salvini ha compiuto questa scelta scellerata, cercando di dettare persino tempi e modi della crisi in barba a tutte le regole istituzionali di questo Paese, scavalcando il Premier Conte, il Parlamento e anche il Presidente della Repubblica?
    Il motivo è molto semplice, e ve lo spiego subito.

    Nelle prossime settimane si sarebbero votati dei provvedimenti di fondamentale importanza: il taglio di 345 parlamentari, la riforma della Giustizia per superare l’attuale abuso della prescrizione e garantire processi più rapidi, in linea con i tempi medi europei, l’abolizione del Bollo Auto e l’inizio del percorso per istituire il salario minimo garantito, strumento fondamentale al fine di assicurare una vita dignitosa a tutti i lavoratori.

    Ma alla Lega evidentemente tutto questo non interessa, anzi: probabilmente Salvini teme alcuni (se non tutti) questi provvedimenti, decisamente in antitesi rispetto alla vecchia politica. Molto meglio il business as usual delle opere faraoniche ed inutili a vantaggio dei soliti grandi prenditori, giusto?

    Un anno fa scegliemmo di tentare il contratto di governo. L’obiettivo era realizzare quelle riforme per anni bloccate da governi troppo “distratti” da priorità ben lontane da quelle dei cittadini. Una legge elettorale da noi giustamente osteggiata ci obbligava a dover siglare una forma di accordo.

    Personalmente ho nutrito sempre dubbi e perplessità sul fatto che il più vecchio partito ancora esistente potesse rompere con il suo passato, redimersi rispetto a un certo modo di fare politica, e quando è stato necessario non ho mai lesinato le doverose critiche, sempre di contenuto, sempre difendendo i nostri principi.

    Alla fine il mio scetticismo si è rivelato fondato: la Lega si è dimostrata, ancora una volta, attaccata alle poltrone e agli interessi di partito.

    Salvini vuole andare a votare costi quel che costi, rischiando così che non ci sia un governo in grado di redigere né di approvare la finanziaria, con il concreto pericolo di far scattare l’aumento dell’IVA: se ne assumerà le responsabilità di fronte alle famiglie italiane.

    I nostri ministri del Movimento hanno sempre lavorato nell’interesse esclusivo della Nazione, e lo dimostrano i risultati raggiunti: istituzione del Reddito di Cittadinanza, Decreto Dignità, taglio dei vitalizi. Queste sono solo 3 delle innumerevoli misure che abbiamo realizzato in soli 12 mesi, con fatica e duro lavoro, e non stando in spiaggia a festeggiare.

    I nostri non sono mai stati i ministri del No, ma i ministri del Come: un come che ha restituito giorno dopo giorno tanti diritti sottratti agli italiani.

    Noi di questo saremo sempre fieri e orgogliosi, sapendo che abbiamo garantito il nostro totale impegno dinnanzi al popolo italiano. E continueremo a farlo, fino all’ultimo giorno!

EnglishItalianJapanese