Attività

  • Gabriella Gabrielli ha pubblicato un aggiornamento nel gruppo Logo del gruppo di Giffoni  ExperienceGiffoni Experience 1 settimana, 2 giorni fa

    GIFFONI EXPERIENCE –
    19 – 27 luglio 2019 –
    IN CONCORSO –

    FAMILY FIRST
    Category: Generator +18
    Sinossi
    JP vive in una famiglia amorevole ma tossica. Costantemente intrappolato tra il violento fratello minore, la madre alcolizzata e fragile e lo zio manipolatore, JP si occupa delle necessità di tutti in casa, tranne che delle sue. Con l’aumentare della pressione, JP sceglierà di incominciare una nuova vita col sostegno e la fiducia della fidanzata Mel, o resterà a proteggere la sua famiglia come un cane da guardia fino a soffocare?

    Titolo Originale CHIEN DE GARDE
    Categoria In concorso
    Sezione Generator +18
    Tipologia Lungometraggio
    Anno di Produzione 2018
    Durata 87′
    Nazionalità Canada
    Regia di Sophie Dupuis
    Sceneggiatura Sophie Dupuis
    Fotografia Mathieu Laverdière
    Montaggio Dominique Fortin
    Scenografia Eric Barbeau
    Costumi Patricia McNeil
    Suono Fredéric Cloutier, Patrice Leblanc, Luc Boudrias
    Musiche Patrice Dubuc, Gaetan Grävel
    Interpreti principali Jean-Simon Leduc
    Théodore Pellerin
    Claudel Laberge
    Maude Guérin
    Paul Ahmarani
    Prodotto da Etienne Hansez
    regista Sophie DupuisSOPHIE DUPUIS
    Sophie ama scuotere il pubblico con film dal forte impatto emotivo. Riuscendo a fondere tenerezza e irrequietezza, ambienta le sue storie in contesti familiari disagiati, dominati da personaggi indomiti. “Family First”, il suo primo lungometraggio, conduce personaggi impetuosi in un turbine di inaudita violenza.

    Dichiarazioni del regista
    “Volevo che le persone guardassero il mio film e vedessero – se non se stessi – qualcuno che conoscevano. Potrebbero essere i miei zii, i miei cugini. Se li avessi resi troppo trasandati, sarebbero diventati “gli altri”. Volevo portare i personaggi in un contesto in qualche modo universale: questo è quello che è successo a loro, è qui che il loro viaggio li ha condotti e potrebbe capitare a chiunque. […] Per me, è un film sulla famiglia. Il crimine è qualcosa che la famiglia deve affrontare, ma è solo un elemento della loro vita. L’aspetto criminale per me era il secondo strato della storia che volevo raccontare. Al di là di questa scelta, ho voluto creare un film dinamico ed esplosivo che faccia venire il mal di stomaco. Questo è il tipo di film che volevo fare e che voglio continuare a fare”.

EnglishItalianJapanese